CONTENUTI

Avvisi Parrocchiali

Home

La Basilica

La Parrocchia

Link utili

Tour Virtuale

Contatti




La Parrocchia | Istituzione
Frati Minori della Parrocchia |  Consiglio Pastorale Parrocchiale |  Consiglio Pastorale Affari Economici | 

DA 75 ANNI PARROCCHIA

Guardare alla storia della comunità, per assumere l’eredità del nostro passato con consapevolezza, offre l’opportunità di tracciare un cammino che fa tesoro della grazia ricevuta e si apre al futuro. La storia, per una comunità di fede, non è lo spazio delle esperienze finite, è il luogo ricco di origini, è l’inizio di infiniti percorsi di speranza. E’ storia di salvezza.

Ricomporne il mosaico è come sfogliare l’album di famiglia dove foto diverse abitano insieme e dicono le corse in avanti e le battute d’arresto, le infinite occasioni colte o mancate. Ed è bello scoprire che la grazia non è stata mai avara di luce verso quanti hanno operato nella comunità, pastori e laici, tutta gente in cammino verso il Regno.

L’INIZIO

Il 31 gennaio 1934 l’Arcivescovo Mons. Cornelio Sebastiano Cuccarollo dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, decreta di erigere “in Persona Morale Canonica la Chiesa di “Santa Caterina” in Galatina (Lecce) come soggetto capace di diritti e di doveri secondo le attribuzioni canoniche, a norma della vigente legislazione ecclesiastica”. Tale decisione viene assunta poiché tale chiesa “molto cara alla pietà dei fedeli, è centro di culto e di formazione cristiana e, perciò meta di numerosi fedeli che quotidianamente rendono omaggio alla Santa titolare e a San Francesco d’Assisi”; inoltre “il sacro edificio riveste […] particolare carattere monumentale, storico e artistico”.

Il 10 gennaio 1935 il Re d’Italia Vittorio Emanuele III accoglie favorevolmente “l’istanza dell’Arcivescovo di Otranto - Mons. Cornelio Sebastiano Cuccarollo – diretta ad ottenere il riconoscimento della personalità giuridica della Chiesa di Santa Caterina in Galatina”. Il decreto a firma del Re, controfirmato da Benito Mussolini, è registrato alla Corte dei Conti il 14 febbraio 1935.

La Parrocchia viene eretta il 31 marzo 1936 con Decreto Arcivescovile, col titolo di Santa Caterina d’Alessandria, decreto riconosciuto agli effetti civili il 21.09.1944.

La cura delle anime è affidata, fin dalle origini, alla Comunità religiosa dei Frati Minori di Galatina della Provincia dell’Assunzione di Maria Vergine di Lecce.

La presa di possesso da parte del P. Arcangelo Vinci avviene il 31 maggio 1936. Eletto  Provinciale dell’Ordine nell’ottobre del 1936, S.E. l’Arcivescovo nomina vicario parrocchiale il P. Domenico Ciliberti.

La Chiesa, dedicata a Santa Caterina d’Alessandria, è consacrata il 26 novembre 1956 da Mons. Raffaele Calabria - come risulta dalla lapide ricordo - ed è fornita delle 12 crocette.

 

L’ACCOMPAGNAMENTO

L’accompagnamento della parrocchia da parte dei Vescovi è testimoniato dalle visite pastorali effettuate negli anni.

  1. Nella VISITA DI MONS. CORNELIO CUCCAROLLO alla Parrocchia dei SS. Pietro e Paolo di Galatina del 1936 si parla della “Parrocchia di Santa Caterina, officiata dai Frati Minori”… “In Parrocchia c’è una famiglia religiosa francescana di Minori Osservanti, composta di tre padri e tre laici. Superiore è il Padre Arcangelo Vinci. Officiano la Chiesa pubblica di Santa Caterina, monumento nazionale e attendono alla confessione e sacre funzioni in chiesa propria.”
  2. Il 28 MARZO del 1965  visita la Parrocchia di Santa Caterina MONS. GAETANO POLLIO. Parroco è P. Giovanni Fedele. La comunità alla luce dei confini aggiornati nel 1957, in occasione dell’istituzione della Parrocchia del Cuore Immacolato di Maria,  conta circa 6000 anime e le famiglie sono circa 1100.
  3. Il 19 MAGGIO del 1974 MONS. NICOLA RIEZZO compie la sua prima VISITA PASTORALE “LA PARROCCHIA DOPO IL CONCILIO VATICANO II”. Parroco in questi anni è P. Ignazio Monteleone. I fedeli sono 4500. La parrocchia appare incamminata sul sentiero tracciato dal Concilio Vaticano II.
  4. Il 5 MARZO del 1979 MONS. NICOLA RIEZZO fa la seconda VISITA PASTORALE “EVANGELIZZAZIONE E PROMOZIONE UMANA – LA PARROCCHIA. Parroco è ancora P. Ignazio Monteleone.  I fedeli sempre 4500, le famiglie 900. Accanto ai mezzi tradizionali per la trasmissione della fede, si avverte l’influenza dei mass-media che portano alcuni “a ricercare altrove la soluzione dei problemi”.
  5. Dall’8 al 4 OTTOBRE 2006 MONS. DONATO NEGRO effettua la sua prima VISITA PASTORALE. Parroco è Fra Massimo Tunno. I fedeli sono circa 3000.  Nella piccola realtà parrocchiale il Pastore in visita coglie l’aria di famiglia che si respira ”dovuta allo stile pastorale semplice ispirato dal carisma francescano ed al lavoro intenso e pastoralmente efficace dei predecessori”, prende atto delle tante realtà presenti, soffre e gioisce ricordando le tante occasioni di incontro avute, incita a meglio operare.   

 

LA CURA

La cura della parrocchia è affidata alla comunità francescana nella persona dei numerosi parroci che si sono avvicendati: P. Domenico Ciliberti (1936),  P. Arcangelo Vinci (1939),  P. Gianluigi Blasi (1942), P. Gerardo Chirico (1946), P. Raffaele Delli Ponti (1948),   P. Rosario Ligurgo (1950),   P. Isidoro Tundo (1960), P. Giovanni Fedele (1963), P. Ignazio Monteleone (1969),  P. Berardo Antico (1981), P. Tarcisio De Pascalis (1993), Fra Massimo Tunno (2005), Fra Rocco Emanuele Cagnazzo (2013).

 

L’ALBUM DI FAMIGLIA

Costante la presenza delle Associazioni alle quali i Padri Assistenti hanno dedicato una particolare cura spirituale consentendo ad intere generazioni di maturare una coscienza laicale da spendere in ogni ambito di vita.

Il Terz’Ordine Francescano, dal 1929 nella Chiesa di S. Caterina d’Alessandria; l’Associazione parrocchiale di Azione Cattolica, fondata nel 1937; l’Apostolato della Preghiera istituito nel 1937;  l’Associazione Scout Cattolici Italiani, voluta nel 1965 da P. Ignazio Monteleone; e poi, nel corso degli anni, altre aggregazioni laicali iniziano ad operare come l’Associazione delle famiglie voluta da P. Berardo Antico, associazione che oggi opera come A.GE. (Associazione Genitori), la Caritas, il Gruppo Teatrale,  il Gruppo sportivo, il Gruppo di preghiera P. Pio, la Schola Cantorum e il Coro dei piccoli che animano le celebrazioni liturgiche, il Gruppo dei Ministranti... Tre le Confraternite: quella di S. Luigi, di S. Rocco, della SS. Trinità o dei Battenti.

 

      PENNELLATE DI VITA PARROCCHIALE

Guardando agli ultimi anni tanti i momenti significati. Numerose le Missioni Parrocchiali: nel 1982 “La Chiesa Sacramento di salvezza e comunità di fede” all’arrivo di Padre Berardo nell’VIII Centenario della nascita di S. Francesco; le Missioni mariane nel 1986 per le Celebrazioni del 50° della Parrocchia con la Madonna di Fatima;  nel 1988 con il reliquiario della Madonna delle lacrime di Siracusa; nel 1990 con  la Venerata Immagine della Regina del SS. Rosario di Pompei; nel 1991 poi in occasione del VI Centenario di fondazione della Chiesa e della presenza dei Frati Minori a Galatina la Settimana PastoraleParrocchia aperta al futuro” con la partecipazione tra gli altri di Don Tonino Bello.  

Nel 1993 la comunità accoglie P. Tarcisio De Pascalis e con lui prosegue nel cammino. Tante le iniziative: nel 1994, I Anno Internazionale della Famiglia, il Concorso grafico-pittorico Famiglia: cuore della società; nell’VIII Centenario Clariano una Settimana di celebrazioni in onore della Santa; nel 1995 la Missione Popolare nell’VIII Centenario della nascita di S. Antonio di Padova con l’insigne reliquia del Santo; nel 1996 la Settimana della fede Io Credo; tra le iniziative di solidarietà il Natale del 1994 con l’Affidamento temporaneo di bambini bosniaci e la raccolta di viveri per la Bosnia, mentre nell’estate 1996 scatta il Progetto Cernobyl, i ragazzi di Cernobyl per più anni vengono a trascorrere le vacanze ospiti delle famiglie della parrocchia; nel novembre 1997 le Solenni Celebrazioni per il ritorno in Basilica del Tabernacolo ligneo del XVII secolo; nel 2004 alla comunità e all’intero territorio vengono restituiti, splendidamente restaurati, gli affreschi della Basilica.

Ed eccoci all’oggi. Il 22 settembre 2005 il nuovo Parroco Fra Massimo Tunno prende possesso della parrocchia e la comunità è pronta a ripartire insieme. Nel novembre 2006 la Peregrinatio del Crocifisso di San Damiano per gli 800 anni di fondazione dell’Ordine dei Frati Minori; nel marzo 2006 l’iniziativa “Evangelizzare con l’Arte” per leggere il complesso architettonico, pittorico e simbolico della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria; nel maggio 2006 la Peregrinatio dell’immagine della Madonna di Fatima; nel settembre 2007 la  Veglia di preghiera con le reliquie di S. Francesco; nel gennaio 2009 la Manifestazione per la ricollocazione dell’Organo della Basilica; nel giugno 2010 la Solenne accoglienza del reliquiario di S.Antonio di Padova; e poi le iniziative di solidarietà presso la Casa di accoglienza, dal Progetto Davide alla distribuzione di abiti e viveri; il Natale del 2008 è a favore dei bambini di Brazzaville (Congo) e quello 2010 per l’Ospedale pediatrico di Betlemme. Le Attività estive con i campi-scuola per i ragazzi a Novoli, Brindisi, Tricarico, Alimini; per i giovani ad Assisi, a San Severino Marche e in Albania ed i pellegrinaggi nell’Estate del 2010 e del 2011 in Terra Santa.

       Oggi la parrocchia vive un momento di particolare risveglio: la presenza di un giovane parroco cui è stata affidata, la sua permanenza da sei anni, fa vedere i suoi frutti. La parrocchia ha sempre più il volto di famiglia che accoglie e sostiene tutte le situazioni di vita creando vincoli di comunione vera. La bellezza della basilica, contesto ideale per la liturgia, continua a richiamare fedeli provenienti da altre realtà; ma è la celebrazione domenicale il culmine della dimensione comunitaria, punto d’arrivo e di partenza della vita parrocchiale per grandi e bambini.

       E la bellezza del luogo che attrae turisti da tutto il mondo è banco di prova per inverare e rendere sempre attuale il messaggio cristiano e francescano. Passare da Santa Caterina, oggi come ieri, è entrare nella lode al Signore Dio dell’universo e la Basilica orsiniana con la sua bellezza si candida ad essere luogo di incontro e di dialogo, itinerario percorribile verso quel Dio che è origine e fonte del bello.

 

 

 

Avvisi news
© 2011 Basilica Orsiniana - Parrocchia e Convento dei Frati Minori Francescani in Galatina (Lecce)
WebDesign by Stefano Spongano